LINKS NEWS E-MAIL L'ANGOLO DI ZOE

 

SANTA MARIA DELLA PACE

Costruita nel 1507, subì ampliamenti e modificazioni. Vi figurano opere del Ramazzani, del Flavini, del Chicchi, del Passerini e di Alessandro Bruschetti. Nel chiostro si ammirano le storie di Francesco affrescate da Tarquinio Salvi, il padre del celebre pittore Gian Battista detto "Il Sassoferrato". All'interno del convento è conservato il "Giudizio Universale" di A. Bruschetti.

Dai tempi più remoti, la festa di S. Antonio, il 13 giugno, è sempre stata celebrata nella chiesa della Pace. La tradizionale benedizione dei bambini con il giglio in mano, ha sempre richiamato moltissimi fedeli, come pure la processione, che si snodava fino all'ospedale per benedire i malati. In passato il corteo era aperto dalla statua del Santo seguita da bambini vestiti da paggetti.

La prima menzione di questa chiesa e del convento dei Minori Osservanti ad essa adiacente è del 1507. In realtà i lavori di costruzione della chiesa iniziarono nel 1512 e si conclusero sei anni dopo. L’intero complesso conventuale è stato ampliato nel corso degli anni. Un significativo ampliamento fu eseguito tra la fine degli anni ’50 e l’inizio del ’60 del secolo scorso con la realizzazione di un grande padiglione destinato ad ospitare il collegio. Pregevole il chiostro, in cui figurano affreschi realizzati da Tarquinio Salvi, padre del celebre Giovan Battista, e dal fratello Francesco.

Benefattori della chiesa furono i Fornaciari di Catozzi e i Conti di Genga.

L’attuale configurazione architettonica della chiesa risale al 1700, per opera del Conte Roberto (deceduto nel 1763), che la fece ristrutturare completamente:

Vi si conservano importanti opere, quali:

  • Sacra Famiglia e Santi e La morte di San Giuseppe di P. Atanasio Favini;

  • Sacra Famiglia e Santi, dipinta nel 1579 da Ercole Ramazzani;

  • San Francesco sul monte della Verna e Giudizio universale di Alessandro Bruschetti;

  • Resurrezione di Floriano Ippoliti;

  • La Madonna di LoretoProfeti e AngeliVisitazione della Vergine a S.Elisabetta e Circoncisione di Arturo Cicchi;

  • Madonna Immacolata di autore anonimo del Sec. XIX

  • Storie della vita di San Francesco di Tarquinio Salvi

  • Statue in gesso del sec. XVII.